Schools

L’intento di Speak Easy è di sviluppare l’interesse per la lingua inglese attraverso il mezzo di apprendimento più leggero e diffuso: la musica, nostracompagna di tutti i giorni. Imparare divertendosi, utilizzando i testi delle canzoni che conosciamo a memoria ma di cui spesso ignoriamo il significato, traducendoli, arricchendoli di altri significati nascosti, di sfumature del linguaggio e di espressioni idiomatiche.

Speak Easy School Roadshow è uno spettacolo pensato appositamente per gli alunni delle scuole italiane di secondo grado (scuole medie e istituti di istruzione superiore).

L’estro e la simpatìa di Clive, insieme all’interazione coi ragazzi e alle canzoni da loro più amate, trasformano una lezione didattica in un’esperienza teatrale da ricordare.
Clive, vestito da tipico gemtleman inglese con bombetta ed ombrello, anima l’evento coadiuvato dalla proiezione su schermo dei testi delle canzoni trattate, dando cosi’ la possibilità ai partecipanti di essere parte attiva dello show.

Speak Easy School Roadshow è la versione dal vivo dell’omonimo programma, Speak Easy, in onda tutti i giorni su Radio Monte Carlo e scaricabile in podcast.

Noi forniamo l’attrezzatura tecnica (microfoni, altoparlanti, lettore CD, ecc.) oltre al videoproiettore se non già a disposizione (altrimenti connettiamo il nostro computer al proiettore della scuola per illustrare i testi delle canzoni).
Consegneremo ai docenti CD con le musiche, parole e materiale stampato per eventuali ripassi. Ad ogni allievo-spettatore verrà regalato un libretto con testi, informazioni e giochi inerenti ai temi trattati durante lo spettacolo. Tutto il materiale è esclusivamente ad uso didattico all’interno dell’istituto scolastico. You know…

 

How to book/Come prenotare

SCARICA IL BOOKING FORM

Breve scheda informativa su Clive Malcolm Griffiths

Clive Malcolm Griffiths nasce a St. Leonards on Sea, Sussex (GB).
1975 – Diploma di Laurea in Lettere e Filosofia Inglese, Canterbury (University of Kent).
1977 – Abilitazione all’insegnamento della lingua inglese ottenuta a Londra.
Esperienze radiotelevisive di insegnamento dell’inglese
Oltre a Videomusic (primo canale televisivo musicale in Europa):
1988 co-autore e conduttore su Italia 1 di “So to Speak” – programma televisivo di 70 puntate per imparare l’inglese divertendosi.
1991 co-autore e conduttore su Telemontecarlo di “Yes I Do” – 50 puntate sulla lingua e cultura americana.
1997 – 2000 realizza programmi per un totale di 1190 puntate per l’apprendimento dell’inglese per il canale di lingue TVL di Stream.
1998 – 2000 mini programma quotidiano di inglese intitolato Word a day su Radio Deejay. Il titolo per intero?  “A word a day keeps the teacher away”!
Dal gennaio del 2001 Speak Easy, appuntamento giornaliero di inglese e musica su Radio Monte Carlo.
Tra il 2005 e il 2009 tiene più di 50 corsi di aggiornamento per docenti di lingua inglese con il Ministero di Pubblica Istruzione.
Da marzo 2009 Speak Easy in video sul sito di Radio Monte Carlo (www.radiomontecarlo.net).
Nel 2009 insegna inglese ai concorrenti di X Factor (RAI2) e nel 2011 pubblica Speak Easy insieme a Famiglia Cristiana in edicola.
Nel 2011 realizza un corso in video con Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport.

Breve scheda sul programma radiofonico “Speak Easy”
In pochi anni Speak Easy è diventato un programma “cult” sia su Radio Deejay che su Radio Monte Carlo. Il successo del programma è dovuto alla grande facilità con cui si imparano le parole e i modi di dire inglesi e alla sua struttura semplice che permette di focalizzare e imparare ogni giorno una parola nuova e non solo… Ogni puntata dura quanto una canzone, poco più di tre minuti: ascoltando estratti di brani famosi, si scopre il significato dei termini in tutte le loro sfumature e si imparano le possibili e alternative applicazioni quotidiane. In pratica, si impara l’inglese senza fare fatica e senza neanche accorgersene, magari cantando!

Si può ascoltare Speak Easy su Radio Monte Carlo.You can download episodes from the Internet site www.radiomontecarlo.net, parola chiave “podcasting”.

Qualche commento (senza filtro) su Speak Easy School Roadshow, direttamente dagli insegnanti.

  • Dear Clive, ho partecipato con emozione, interesse e mi sono divertito al tuo Speak Easy qui a Torino, da tuo vecchio fan dai tempi di Videomusic e da tuo fedele ascoltatore su Radio Monte Carlo. Grazie per aver dato nuova linfa all’insegnamento dell’inglese, che talvolta diventa solo un “lavoro”, quando la “passione” e il “divertimento” vengono meno. Un caro saluto, Arturo
  • Dear Clive, I had great fun yesterday when I had the pleasure of attending your Speak Easy Course in Milan. So let me congratulate you! I’m sure my students would go mad about your show! I’ve been a fan of yours since the times of So to speak and was very glad to meet you personally yesterday and to discover that you are very nice, extremely friendly and willing to help. And that you enjoying doing what you do and are able to communicate your enthusiasm. Thanks again! Giovanna, Teacher of English at Istituto Tecnico Agrario Gallini, Voghera, Pavia.
  • Dear Clive!!! Grazie per il corso di lunedì 17/01 all’istituto Belluzzi di Bologna! Bellissimo! Per me è stata una grande soddisfazione, nonchè molto divertente! Una ventata d’allegria, nella tristezza dell’attuale scuola italiana!!! Chiara
  • Buongiorno da Venezia! Complimenti ancora per l’intervento di Bologna: è stato uno dei corsi di aggiornamento più interessanti e divertenti cui abbia mai partecipato (Ne ho fatti parecchi!). Achille
  • Sono la prof.ssa Maria Emanuela docente referente del gruppo disciplinare per l’ins. della lingua inglese presso la SMS “P.Metastasio” di Cave (Rm). Ho partecipato questa mattina a Speak Easy da Voi proposto in Roma insieme alle mie colleghe: MERAVIGLIOSO, complimenti.
  • Dear Clive, thanks for the lovely lesson in Genoa today. I’ve been listening to your “Speak Easy” on Radio Montecarlo for a few years by now and I’d like to ask you if you have ever collected all your programmes on either a CD or DVD so that we could use them at school. Could you please let me know if you have already done this or if it is on the way? Caterina
  • Ho partecipato a Speak Easy a Brescia, Venerdi 14 Gennaio: entusiasmante!!! Complimenti, Clive, x la tua professionalità e grande simpatia. Cristina
  • Ho avuto il piacere di poter assistere ad uno dei suoi seminari  dove ha tanto brillantemente  riproposto dal vivo il suo utilissimo programma radiofonico. Complimenti anche perchè è riuscito a riscaldare con la sua simpatia la temperatura gelida della sala, Emanuela.
  • Dear Clive, thanks a lot for your amazing lesson in Turin: you gave us very interesting suggestions and we enjoyed very much!!! Thanks again, your fans SILVIA and CARLA
  • Dear Clive, I was very pleased I got the chance to take part in your Speak Easy in Brescia. I ‘ve really had good fun and you’ve given me some really useful tips. I’ve been working with songs at school ever since I started teaching and you’ve given me more reason to do that. Emilia
  • Caro Clive, Ti faccio i miei complimenti per la straordinaria capacità comunicativa che riesci a esprimere durante i tuoi incontri!   Grazie ancora per il piacevole incontro di stamattina, Gianluca.
  • Dear clive, i was in Florence among the many teachers at the Liceo classico. I found your lesson highly motivating and interesting. I had planned to organise a course using songs to teach grammar but the course couldn’t start because of lack of funds…. so I was so pleased to see your lesson which was undoubtedly great and can’t be compared to my ideas… I’m teaching in a school in Arezzo, the Istituto tecnico ‘fossombroni’  sezione Linguistico Aziendale. Thank you so much, Marcella
  • Hi Clive! I’m one of the teachers who attended your brilliant training course on Dec. 21st in Bari (by the way, I wonder if you’ve written a book on the subject…). Claudia – Istituto Salesiano “Don Bosco”
  • Carissimo Clive, ho avuto l’onore di seguire un corso Speak Easy . Grazie, mi sono divertita molto, come una studentessa, cosa che non mi succedeva dai tempi universitari. Grazie mille, Nadia.