Crazy Time

Crazy Time è nato come appuntamento indirizzato ad un pubblico più giovane: Videomusic puntava inizialmente ad un pubblico tra i 14 e i 34 anni, poi si sentì la necessità di una trasmissione per “pre-teens”… anche su richiesta di sponsor come scarpe Timberland, caramelle gommose Perugina, la linea Moving Sound della Philips, gelati Eldorado, giochi Nintendo e LazerTag della Mattel, occhiali da sole Polaroid, calzature per ragazzi Siport, mountain bike Atala. Ed ecco Crazy Time, ricchissimo appuntamento con gags, scenette, avventure, interviste, animazioni, filmati inediti in esclusiva (il primo film di David Bowie “Love you till Tuesday” del 1968, ad esempio), lezioni di lingua inglese e maltese, incontri con i grandi fumettisti italiani, affrontando le tematiche più vicine alla realtà giovanile.

Dentro Crazy Time:

Superteacher, lezioni di inglese di un prof. Superman (Rick Hutton) che attraverso i testi delle canzoni dei videoclip più gettonati cerca di insegnare la lingua inglese (vi dice nulla? Speak Easy!) ad un allievo poco disposto all’apprendimento, il Superstupid Clive. link al FILMATO

 

 

 

Telemontepecora, spazio spassosissimo dallo humor brioso! La piccola emittente ruspante proponeva diverse rubriche. Ma essendo un’emittente autonoma alimentata a pecorino (vino e formaggio) dispone di una fermata propria in Clivelandia! L’animazione delle sigle è del regista della prima serie di Crazy Time, Francesco Misseri.

 

 

 

Ma che bel castello! Un slient movie a puntate scritto dal regista della seconda serie di Crazy Time, Riccardo Jacopino, e musicato dal tastierista Mauro Sabbione, ex Matìa Bazar e autore della loro hit “Vacanze Romane”. Qualche tocco di Rocky Horror Picture Show e Frankenstein Junior: Clive e Sabrina Bertoncini interpretano due malcapitati con auto in panne che cercano rifugio in un castello lugubre, accolti dal maggiordomo (Rick Hutton) e giullare (Keane) per poi incontrare la Contessa (Ilaria Galli). Addirittura proiettato in qualche festival a Milano e Firenze!

 

Occhialeros, western surreale a puntate col sottotitolo “Lenti che vanno forte” scritto e diretto da Icio de Romedis e girato nella Città della Domenica di Perugia, un parco a tema con villaggi indiani e tutto per il cowboy, dal saloon alle carovane. I Vanadium, Pino Scotto, Ruggero Zanolini e Lio Mascheroni diventano cowboys, Clive lo sceriffo e Rick il cattivo.

 

 

 

Pace e guerra. Scene surreali di vita militare dalla penna di Icio de Romedis con Rick e Clive alle prese con la vita sotto le armi.

 

 

 

 

Siport Rock’n’roll party. Scarpe che si portano bene… ambientato nell’America degli anni ’50 a suon di rock and roll! Con Dennis and the Jets, un incredibile gruppo rockabilly reduce da “Quelli della Notte”, e il campione mondiale di rock acrobatico Rodolfo Banchelli. Clive come Olivia Newton John e Rick come John Travolta. Girato nello storico locale Manila in the Jungle.

 

 

Play Time. Siamo nell’anno 3010, le guerre non esistono più e i contrasti tra le persone vengono regolati senza alcuna violenza fisica o spargimento di sangue, utilizzando un gioco denominato LazerTag. Questa era la premessa… Rick e Clive ci portano con un’astronave nel futuro per conoscere i primi giochi elettronici Nintendo! Ambientato nella discoteca Altro Mondo Studios di Rimini.

 

 

Ecotime, l’ecologìa e il mondo animale attraverso filmati e sketches. Dalla corrida agli allevamenti di polli, dalla pesca indiscriminata al nucleare. Lo scopo non era di elargire informazioni passive ma attivare il pubblico di Videomusic. Per qualche idea dell’impegno di Videomusic per gli animali, il pianeta e la pace, fate un salto alla fermata Ecotime.

 

 

 

Calippo Time. Lezioni di danza per Rick, Clive e ragazzi decisamente più elastici per imparare a ballare come Madonna e Michael Jackson nei loro videoclip. Con uno spazio dedicato ai fans club di tutt’iItalia.

 

 

 

 

Cartoon Time. Incontri ravvicinati con Andrea Pazienza, Massimo Cavezzali, Vittorio Giardino… a casa loro.

 

 

 

 

Tagliacozzo. Viaggio esploratore nella Marsica toccando con mano le realtà della vita a Tagliacozzo, cittadina abruzzese dove si viveva ancora come una volta, il bastaio costruisce basti e la banda suona la domenica. Questa rubrica nasce grazie a William Gardner e un aspirante veterinario, David Blasetti, nativo di Tagliacozzo.


Fruitella Novella
, un giorno nella vita di una rockstar in stile telenovelas (i telefilm brasiliani che spopolavano all’epoca). Rick e Clive nei panni di Bruce Springsteen, Eurythmics, Duran Duran e gli Wham!

 

 

 

 

Bobby Building. Bobby Solo asciuga la lacrima sul viso di chi solitamente non va in palestra trasformando Rick e Clive in veri Big Jim con un corso a puntate di bodybuilding. Bobby è il più simpatico trainer che si possa immaginare!

 

 

 

 

Animazioni e cartoni animati inediti, Mister Poppy di Massimo Indrìo, filmati by Il Vernacoliere e Sagit Film di Livorno, Studio Limite di Firenze, Maurizio Forestieri, Fusako Yusaki, Francesco Misseri e Yorkshire Television. Il cast? Oltre a Rick e Clive, Igor e Walter Righetti, due fratelli comici che spaziavano dall’humour demenziale fino alla Divina Commedia a puntate. Igor si distingueva per i suoi vox popoli, chiedendo alla gente per strada se erano d’accordo con un aumento di stipendio per i metallario se comprerebbero un’automobile con il lifting…

 

La conduzione è stata affidata anche a Nonna Enrica, Dolly ed Evelina, le dame più giovani che Clive abbia a Barga, la sua città preferita, in cui l’età media è di 75 anni.

Inoltre c’erano poesie e filastrocche lette da Ancilla Tagliferri e Francesco Gattuso, strane musiche di Francis Kuipers, le prime prove televisive di Leonardo Pieraccioni e dei Due Mendi (Massimo Ceccherini e Alessandro Paci), rispettivamente il vincitore e gli esclusi di un concorso di nuovi comici, e Cavallo di Battaglia, dove Clive, quell’anno, era il chairman della giuria. Altri ospiti: il più giovane PR del mondo Davide Niccolò, Piero Pelù, Patrizia Di Malta del Gruppo Italiano (do you remember “Tropicana”?).

 

Elementi chiave, oltre ai già citati: i registi ed autori delle tre serie di Crazy Time tra il 1987 e il 1989: Francesco Misseri, Ico de Romedis, Riccardo Jacopino, Duilio Ringressi e Stefano Orsucci. Liliana Sirca era la mamma di tutti noi e la responsabile della produzione; Monica Magnani aveva mille ruoli, da cantante a creativa, da musa a truccatrice; Fabio Picciolo, little strong man; Claudio Pini e le sue scenografie. E poi Claudia Marchetti, Claudio Gherardini, Stefano Murana, Mario Lombardi, Massimiliano Lazzerini, Francesco Piccardi, Pinuccia Garavaglia e Carlo Ferroni.

 

La produzione di Crazy Time ha anche realizzato i videoclip “Come Together” dei Denovo e “Kyrie Eleison” dei Melodrama.

 

 

 

 

A corredo di tutto questo, un coloratissimo giornalino distribuito gratuitamente in 80.000 copie, con grafica di Frigo, degli studenti dell’Università del Progetto di Reggio Emilia, Carlo Ferroni,  Monica Magnani e  Marina Commandini.