Andrea Pazienza

Proprio a Lucca (la mia città adottiva) ho la fortuna di incontrare Andrea Pazienza in occasione di Lucca Comics edizione 1987. Ed è stato amore a prima vista, un’immediata sintonìa Poco dopo mi ritrovo a casa di Andrea e Marina (his companion) in un casolare completo di hound e bike (intendo motocicletta) dalle parti di Siena. Così nasce l’idea di collaborare per alcuni progetti tra cui “Cartoon time”, programma in pillole per Crazy Time su come diventare disegnatori. Ma poco dopo, tutto si ferma: Andrea ripercorre vecchie strade, e questa volta gli va male, malissimo, e Andrea ci lascia. Al di là della mia stima ed affetto per Andrea come persona, credo fosse l’illustratore più bravo, versatile ed irriverente di questa parte dell’ultimo secolo… Non ho mai reso pubbliche tutte le ore di chiaccherate registrate con lui perché di antologie su Andrea ce ne sono già molte, ma non potevo non ricordarlo qui.

Now’s the time, è giunta l’ora, di vedere qualcosa della sua vasta opera.
Filmati coming soon!
Per saperne di più su Andrea go to Wikipedia.
e da un idea (e dai disegni) di Andrea, grazie ad uno studio di animazione, gli animali prendono vita: Uffa che Pazienza!